LA RIQUALIFICAZIONE URBANA DELLA DITTA CARLINO & CO

da: Favela Favara Report & News – http://www.favarablob.com/page6.php

Grazie ai soldi provenienti dal fondo Fondo Aree Sottosviluppate (a ciò immancabilmente non poteva sottrarsi la Favela di Favara) la premiata ditta Carlino & Co., abile nella ricerca di fondi per tutto ciò che può essere (da loro) progettato sta realizzando degli interventi di opere di urbanizzazione primaria e riqualificazione urbana del quartiere ex Stazione. Tra i lavori da realizzarsi, sotto la supervisione dell’Ufficio Tecnico Comunale, sta prendendo forma un’opera di moderna concezione progettuale urbanistica, architettonica, ingegneristica  e di sicurezza stradale: la rotonda in salita di via Che Guevara. Ma cos’è una rotonda? Il sistema di regolamentazione delle intersezioni a raso in ambito urbano mediante l’adozione dello schema “a rotatoria” è ormai diffuso in tutto il mondo; esso si basa su criteri urbanistici e di pianificazione che rispondono a obiettivi specifici di gestione del traffico e di riqualificazione dello spazio pubblico. La rotatoria deve consentire il transito di qualunque veicolo a motore, o complesso di veicoli, compreso il relativo carico. L’obiettivo prefisso è quello di migliorare la fluidità del traffico, ridurre i sinistri stradali, rallentare la velocità delle automobili e, non da ultimo, abbattere le emissioni nocive e l’intensità del rumore prodotto dai veicoli circolanti in quel determinato tratto di strada.
Regolamentare il traffico? Sicurezza? Abbattimento delle emissione nocive? Riduzione del rumore prodotto dagli autoveicoli? Ma vi immaginate un qualsiasi mezzo pesante che provenga dalla strada Chimento (in salita) che si immette su una ridotta fascia di ingombro della rotonda (anch’essa in salita) per poi proseguire (ancora in salita) verso il viale Aldo Moro? Una bolgia infernale, un incubo!!! Ma com’è possibile che nessuno, dal  progettista al dirigente dell’U.T.C., abbia notato e tenuto conto in sede progettuale il caos automobilistico che c’è in quella zona nelle ore di punta durante il periodo scolastico (data la presenza di due Istituti scolastici nella zona, di cui uno ospitato, secondo tradizione familiare, dalla premiata ditta Carlino & Co.)? Un elemento geometrico fondamentale della rotatoria “funzionale” è quello che i rami (le entrate e le uscite) devono avere una disposizione equilibrata con angoli prossimi a 90° e mai inferiori ai 30° (vedi illustrazione a sinistra)  e ciò sempre per una migliore regolamentazione del traffico.  L’immagine qui a sinistra vi mostra l’angolazione dei rami nell’incrocio tra la strada Chimento, oggi via Milite Ignoto, la via Alcantara e la prosecuzione della via Che Guevara in direzione via Aldo Moro. Una tipologia di incrocio, secondo una corretta progettazione, palesamente da evitare. Ma nella Favela di Favara tutto si può! Intanto i lavori finanziati dal F.A.S. devono essere fatti e gli oltre due milioni di euro finanziati devono essere spesi. La premiata ditta Carlino & Co. avrà gli utili di progettazione e di ricerca del finanziamento, la ditta esecutrice dei lavori avrà il suo buon ritorno economico, molti operai in periodi di crisi come questo avranno potuto continuare a campare le famiglie mentre a noi cittadini e alla Favela di Favara resterà il grande capolavoro della rotonda in salita, in aggiunta alle altre opere del genere già presenti nel territorio e di cui Zorro della Favela si occuperà nelle prossime pubblicazioni.

Notizie dalla Favela di Favara

Notizie dalla Favela di Favara